Città Metropolitana di Firenze
Pesca
(Pagina realizzata e gestita dall'ITALCACCIA Toscana)
____________________________________________
   
 

Disciplinare del Campo Gara di Pesca

Art. 1

I campi gara di suddividono in permanenti e temporanei. I campi gara permanenti hanno validità biennale e possono essere rinnovati

Art. 2

La individuazione dei campi gara permanenti é effettuata dall'Amministrazione Prov.le concordemente con le associazioni dei pescatori

Art. 3

3.1 I campi gara permanenti, saranno a disposizione gratuita delle Associazioni dei pescatori che svolgono attività agonistica, previa richiesta scritta da presentare all'Amministrazione Provinciale entro il 15 gennaio di ogni anno, per le gare da effettuarsi entro il successivo mese di giugno, ed entro il 31 di maggio per le gare da effettuarsi tra luglio e dicembre.

3.2 Per i campi di gara temporanei le richieste dovranno essere inoltrate all'Ufficio Pesca dell'Amm.ne Prov.le almeno 15 giorni prima dello svolgimento della gara.

3.3 Sui corsi d'acqua nei quali é istituito il campo gara permanente, dalla data di istituzione e almeno per i primi due anni, non saranno concessi altri spazi nuovi campi gara.

Art. 4

Il 20% dello sviluppo dei campi gara rimarrà a disposizione di Società, Entim Sodalizzi, Gruppi ed Associazioni di altre province.

Art. 5

5.1 I campi gara saranno debitamente cartellati a cura della Amministrazione Provinciale con tabelle sistemate lungo le sponde dei corsi d'acqua secondo le modalità previste dall'art. 14 della L.R. n. 25/84 e recanti la seguente dicitura: "Provincia di Firenze -Campo di Gara n°.....-".

5.2 I campi gara vengono chiusi alla libera pesca il giorno dello svolgimento delle prove sino al termine delle stesse.

5.3 Al termine della gara il campo viene restituito alla libera pesca e i partecipanti alla prova agonistica non potranno effettuare rivendicazioni sul posto precedentemente occupato. Allorché il campo gara di pesca possa contenere un numero di pescatori superiori ai partecipanti alla pesca agonistica, lo spazio eccedente deve risultare aperto alla libera pesca.

5.4 Per ogni prova agonistica a cura di chi organizza la manifestazione deve essere chiaramente indicato, almeno il giorno prima su cartelli aggiuntivi alle tabelle recanti la indicazione del campo gara, il numero, la denominazione della manifestazione e quella del soggetto organizzatore. I suddetti cartelli aggiuntivi devono essere altresì affissi e rimossi nei punti di possibile accesso al campo gara e comunque in modo da dimostrare che lo stesso sia stato già assegnato

5.5 In mancanza di tali cartelli, la pesca potrà essere esercitata da chiunque.

Art. 6

L'uso anche parziale del campo gara può essere concesso in qualsiasi giorno dell'anno e solo per il tempo necessario allo svolgimento delle man ifestazioni agonistiche richieste, ed in base alla programmazione che verrà decisa dall'Ufficio Pesca della Provincia. Il suddetto uso é soggetto a specifica richiesta. In ogni richiesta dovrà essere indicato:
- il numero dei partecipanti alla manifestazione;
- quali siano i campi gara nei quali si ritiene svolgere l'attività;
- la data della manifestazione;
- l'orario di svolgimento della gara;
Di tutte le sopracitate notizie verrà effettuato informazione tramite affissione.

Art. 7

Le richieste che perverranno all'Amministrazione Provinciale dopo la data stabilita al punto 3) del presente disciplinare, potranno eventualmente essere accolte in ordine di prioritario di arrivo, solo se nelle date in esse specificate, i campi gara richiesti non siano già impegnati per lo svolgimento di altre attività.

Art. 8

8.1 Nei giorni e per il tempo in cui i campi gara verranno concessi, la pesca in essi riservata ai soli partecipanti a quella determinata manifestazione, salvo quanto previsto al precedente art. 5.

8.2 Nei campi gara é consentito nel medesimo giorno ed in orari diversi, l'effettuazione di una o più manifestazioni sia all'interno del campo gara sia all'interno delle singole delimitazioni temporanee.

Art. 9

Non é ammesso trasferire a terzi l'ottenuta concessione di tutto o di parte del campo gara quando per un  qualsiasi motivo una prevista manifestazione non abbia luogo.

Art. 10

Lo spazio di sponda fra l'inizio e la fine del campo gara, non potrà essere inferiore a metri 100.

Art. 11

Le associazioni dei pescatori si impegnano ad effettuare, specialmente in occasione di manifestazioni agonistiche indette e organizzate a livello provinciale, regionale, nazionale ed internazionali da società loro affiliate, un adeguato servizio di vigilanza a mezzo delle guardie giurate volontarie.

Art. 12

12.1 L'esercizio della pesca nel campo gara é soggetto a tutte le norme di cui alla Legge Regionale n. 25/84, alle relative direttive di attuazione previste dalla deliberazione del Consiglio Regionale n. 36 del 28/01/1986, nonché al rispetto di altre leggi o disposizioni limitanti l'uso delle cose pubbliche o private ed alle disposizioni contenute nell'atto di autorizzazione.

12.2 In particolare sono proibite tutte quelle azioni di danneggiamento richiamate e descritte negli articoli del T.U. delle Leggi Idrauliche.

Art. 13

13.1 Durante lo svolgimento della prova agonistica autorizzata, i singoli concorrenti non potranno usare complessivamente più di quattro chilogrammi di esche o pastura.

13.2 Potranno essere concesse dall'Amministrazione Provinciale, particolari deroghe per le gare Nazionali ed Internazionali.

Art. 14

L'Amministrazione Provinciale é indenne da qualsiasi responsabilità nei confronti di terzi, relativamente a danni o incidenti che dovessero verificarsi nel corso dell'attività piscatoria all'interno dei campi gara e delle zone delimitate temporaneamente, responsabilità che ricade esclusivamente sugli organizzatori delle gare agonistiche, i quali dovranno a tal fine, dimostrare di essere coperti di idonea assicurazione.