Italcaccia - Italpesca
Caccia
(Pagina realizzata e gestita  dall'ITALCACCIA Toscana)
______________________________________
   
 

Cosa succede all'ATC 4 Firenze Prato e ATC 5 Firenze Sud ?

Strane e inquietanti notizie si traggono dal giornale "Il Tirreno" del 19/05/2018 su presunte irregolarità contabili nella gestione di questi A.T.C. anche se avevamo sentore che qualcosa non funzionava a dovere.

Il perdurare del silenzio telefonico ed elettronico era qualcosa di inquietante.

In particolare dalla notizia si deduce che un revisore dei conti abbia avuto qualche perplessità nei bilanci 2016-2017.

Sembrerebbe, quanto scrive il giornale, che le irregolarità provengono dai rimborsi dei danni provocati all'agricoltura dalla fauna selvatica e risarciti con i fondi dell'A.T.C..

Sembrerebbe, si parla sempre con il condizionale, che qualche volta il risarcimento del danno sia stato maggiore del valore della coltura stessa.

Questa valutazione proveniva da una ditta esterna a cui era stata affidata dal Comitato di Gestione, la valutazione del danno e che le procedure non abbiano rispettato quanto previsto dalla normativa vigente.

Su segnalazione della Regione Toscana si è mossa la Procura della Repubblica di Firenze.

Al momento sono ancora in corso le indagini.

Noi non sposiamo la causa dei colpevolisti, ma siamo e saremo sempre garantisti. Facciamo fare chiarezza alla Procura della Repubblica ed eventualmente ne tragga i dovuti atti successivi.

In questa gestione non vi devono essere ombre, sono soldi dei cacciatori e per i cacciatori senza fare alcuna beneficenza a chicchessia.

Con la modifica ultima della legge regionale è stato stabilito che le sedute del Comitato di Gestione devono essere pubbliche e preventivamente annunciate tramite il loro sito web con un congruo anticipo e che i verbali delle sedute siano pubblicati entro 30 giorni dalla seduta sempre sul loro sito web.

Questo lo avevamo chiesto da molto tempo e sempre avevamo trovato una rabbiosa opposizione dal alcuni membri dei vari Comitati di Gestione della Toscana.

Alla luce di quanto ipotizzato, ora possiamo capirne anche i motivi. Troppa partecipazione a volte non fa bene, poiché troppe orecchie possono sentire e troppe bocche possono parlare.

Avevamo anche chiesto e non ottenuto, che i membri del Comitato di Gestione fossero portati a 20 dagli attuali 10, in modo da inserire almeno 6 componenti dei cacciatori per permettere a tutte le Associazioni Venatorie riconosciute di avere una propria rappresentanza, quando queste sarebbero state presenti sul territorio in forma organizzata. In fondo sono Comitati di Gestione degli Ambiti Territoriali di Caccia e non Comitati di Gestione della fiera di beneficenza del paese.

Anche con questa proposta abbiamo avuto opposizione anche dalle altre Associazioni Venatorie ed in particolare da quelle storicamente presenti nei Comitati di Gestione.

Noi non crediamo che sia stata una buona politica e ci dispiace che la Regione Toscana si sia piegata al loro volere, anche se precedentemente si era espressa con atto ufficiale che i Comitati di Gestione avessero la più larga rappresentanza possibile.

Comunque noi saremo sempre attenti all'evolversi della situazione  e ne daremo sempre ampia divulgazione.

Quì sotto riportiamo l'articolo giornalistico che pubblica la notizia.

 

L'Italcaccia ha le mani pulite e opera per il bene della caccia e dei cacciatori.

 

Articolo del giornale "Il Tirreno" del 19/05/2018

 

 

 

 

Pagina creata e agg. al 22/05/2018